Refrontolo e il Molinetto della Croda

Città e borghi storici


Refrontolo, chiamata anche Isola del Refrontolo Passito DOC (vino dolce e profumato da compagnia o da fine pasto, ottenuto da uva Marzemina, è attraversata dalla Strada del Vino Prosecco Conegliano – Valdobbiadene, prima Strada del genere in Italia, istituita nel 1966. Nel 2005 la Strada del Vino Prosecco Conegliano – Valdobbiadene è stata arricchita da un annello chiamato "Il Feudo dei Collalto" il quale si snoda intorno ai poderi del Castello di San Salvatore (Susegana), attraversa la località di Collalto e arriva a Refrontolo (Isola del Refrontolo Passito DOC) tra un susseguirsi di ameni paesaggi collinari legati da una comune coltivazione, quella della vite Prosecco. Collalto e Refrontolo sono inolre legate anche da una secolare storia amministrativa. Il territorio di Refrontolo si estende tra un susseguirsi di colline con suggestivi paesaggi viticoli lungo la valle del Crevada e naturalistici nella parte a nord ove esiste una buona rete sentieristica. Refrontolo, terra di buon vino e di buona cucina che offre 1000 posti a sedere tra agriturismi, trattorie e ristoranti, è anche terra di personaggi famosi come l'Abate Domenico Capretta, l'Astronomo Anton Maria Antoniazzi e i pittori Emma Ciardi, Pietro Dalle Cesta e Angelo Lorenzon. Nei pressi del centro del paese si può, oltre che assaggiare buoni vini presso l'antica "Osteria Al Forno" e vedere la Villa Battaglia-Spada del secolo XVII° e il panoramico Tempietto Spada. Proseguendo poi verso Solighetto, si può deviazione all'incantevole Molinetto della Croda del XVII° secolo. Il Molinetto della Croda, caratteruristico edificio rurale incastonato sulla roccia, risale alla prima metà del XVII° secolo. Dopo una serie di restauri alla struttura e alla macina resa perfettamente funzionante, è stato inaugurato e aperto al pubblico nel 1995 come raro esempio di museo dell'attività molitoria e sede di mostre e di altre attività culturali. Esso è visitato da circa 30.000 persone all'anno e rappresenta da tempo un simbolo di Refrontolo. Il comune ne è proprietario dal 1991. Presso il Molinetto si svolge da moltissimi anni la tradizionale festa d'agosto detta del "Molinetto della Croda" (periodo 5-20 agosto circa). L'area del Molinetto della Croda, posta a ridosso dell'asse carbonifero Corbanese – Monfumo, è stata oggetto di una lunga attività mineraria di estrazione della lignite che è iniziata nel 1866 ed ha avuto il periodo più fiorente tra il 1936 e il 1947, epoca in cui il carbone veniva utilizzato dall'industria bellica e dalle fornaci di laterizi. L'attività estrattiva è cessata definitivamente nel 1950 a seguito dell'apertura dei mercati di combustibili più pregiati. Il sito minerario, immerso in un gradevole ambiente naturalistico dotato di sentieristica, vide occupati fino a 150 minatori. Oggi rimangono a testimonianza di detta attività numerosi imbocchi di gallerie e tracce del percorso della decouville e delle teleferiche per il trasporto del carbone fino alle tramogge poste a fondovalle. Altezza: mt/s.l.m.: 216 Abitanti: 1828 Superficie: km/q: 13