Il Consorzio del Prosecco Superiore al fianco di Eataly per Expo Milano 2015

Mercoledì 29 Aprile 2015


"Sapòrem", inteso come unione di sapore e sapere, è l'emblema del legame di quattro grandi marchi che si affiancano nello spazio Eataly ad Expo 2015: Consorzio Tutela Grana Padano DOP, Consorzio del prosciutto di San Daniele, Consorzio Mortadella Bologna e Consorzio Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore.

I quattro Consorzi hanno deciso di presentarsi uniti e coesi all'appuntamento di Expo 2015 per poter trasferire al meglio quei valori comuni di eccellenza e di grande attenzione alla qualità che da sempre li contraddistinguono. Eataly è per i quattro Consorzi un contesto di grande rilevanza in cui essere a tutti gli effetti portabandiera di un'alimentazione consapevole e di qualità rivolte a un pubblico attento alla cultura enogastronomica.

"Il successo del Prosecco inizia nel 1876, anno di fondazione a Conegliano della prima scuola enologica, e si sviluppa grazie alla volontà di raccontare un territorio collinare di grande vocazione, che si estende tra le cittadine di Conegliano e Valdobbiadene, oggi candidato a patrimonio Unesco", dichiara Innocente Nardi, presidente del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco.

Icona del made in Italy, il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore è la sintesi di una viticoltura fatta a mano e dalla cultura spumantistica della zona - prosegue il presidente del Consorzio - Qui, il territorio ed il suo vino sono un'unità inscindibile: prodotto in una piccolissima zona, questo spumante Docg è diventato un fenomeno mondiale di gradimento e successo, scelto a rappresentare l'Italia all'Expo 2015".

"Non poteva esserci un luogo migliore di Eataly, un concetto che unisce le eccellenze enogastronomiche italiane, per esprimere il nostro sapere", conclude Nardi.

Il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, fondato nel 1962, raggruppa 183 case spumantistiche. Le ripide colline ricoperte da vigneti appaiono ricamate a mano dalla perizia dei viticoltori: qui le escursioni termiche e le brezze mattutine e serali garantiscono lo sviluppo degli aromi nell'uva. Il risultato è un vino inimitabile, sapido ed energico, ricco di profumi di frutta e fiori bianchi che incanta al primo sorso con l'eleganza delle sue bollicine. Il successo di un sapere che ha condotto il Prosecco Superiore di questo territorio ad una qualità "naturalmente" superiore.

(Fonte www.prosecco.it)

Commenti dei lettori

Non ci sono ancora commenti per questo articolo, perchè non essere il primo a farlo? inserisci il tuo commento utilizzando il form sottostante.

Aggiungi il tuo commento

Aggiungi il tuo commento

crea il tuo gravatarUn gravatar o globally recognized avatar, è semplicemente una immagine che ti segue di sito in sito ed appare accanto al tuo nome quando fai qualche operazione.

i campi contrassegnati con * sono obbligatori