Dove Siamo

L’Altamarca, ampio territorio pedemontano della provincia di Treviso, è tipicità, paesaggio, ambiente, terrazzo naturale di colline armoniose fra le Dolomiti, il Cadore e la laguna di Venezia, raggiungibili a pochi chilometri. Un territorio caratterizzato da una suggestiva omogeneità di cultura, arte, storia e gastronomia.

Scarica la Mappa dell'Altamarca Trevigiana

Su queste terre del Veneto la devozione popolare, il sentimento e il legame hanno fatto erigere campanili, chiese e abbazie. Case di campagna, rocche e ville segnano e si scorgono ovunque sulle colline; le famiglie nobili della Serenissima, i Dogi di Venezia hanno scelto questi luoghi per costruirvi le loro ville patrizie, molte recano la firma di architetti famosi come Palladio e Jappelli.

I dolci colli dell’Altamarca trevigiana producono vini e spumanti Docg e Doc come il Valdobbiadene Conegliano e il Colli Asolani Prosecco, prodotti caseari di malga, di valle come la Casatella Dop e salumi insaccati freschi e stagionati,la soppressa, espressione di una raffinata tradizione rurale che, insieme a tutti gli altri prodotti che la terra regala, contribuiscono a rendere il soggiorno, nei diversi e splendidi ambienti ricettivi, un turismo del “buon vivere”.

Bellezza paesaggistica, prodotti curati e naturali della terra Veneta, alimenti e ricette gastronomiche esclusive, testimonianza di un invidiabile patrimonio storico e architettonico sono il presupposto e l’attrazione di una meta ambita e ricercata per un florido turismo culturale, enologico e per gli amanti dello sport e del tempo libero. Una destinazione ospitale e naturale, armoniosa e verde, tra le alte vette Dolomitiche e vicinissimo al mare, terra Veneta di tradizione e d'incontro tra passato, presente e futuro.

Il territorio dell'Altamarca comprende 45 Comuni (su 95) della provincia di Treviso, per un totale di 293.974 abitanti. La superficie supera i milletrecento chilometri quadrati, dalla Cima del Grappa all'Altipiano del Consiglio, passando per Asolo, per il Montello, per Susegana, per Sarmede.